News

Racconti di viaggio

26 Febbraio 2021

Nusa Lembongan: una Bali in miniatura

Tutti conosciamo l’Isola di Bali: un paradiso amato da viaggiatori che giungono in quest’angolo di Indonesia da ogni parte del mondo e che rimangono letteralmente rapiti dal fascino dei suoi paesaggi, dai maestosi templi e dal sorriso della sua gente.
E’ sicuramente meno famosa, ma per questo non meno affascinante, la piccola isola di Nusa Lembongan: un’isoletta di circa 8km² al largo della costa sud-est di Bali. Da Sanur partono i motoscafi che in 30 minuti approdano sulla spiaggia di Jungutbatu. E’ importante sapere che non essendoci un molo, l’imbarco e lo sbarco avvengono dalla spiaggia ed è necessario entrare in acqua quindi via scarpe e largo a ciabatte e pantaloncini corti.
Nusa Lembongan per certi tratti assomiglia molto alla sorella maggiore Bali, si respira la stessa atmosfera, ma mantiene la pace e la tranquillità di un luogo dove il turismo non è ancora troppo invadente. Una Bali in miniatura.

L’ isola è piccola e potrebbe essere girata anche a piedi, noi per comodità durante il nostro soggiorno abbiamo noleggiato uno scooter. Fate attenzione: la guida è a sinistra e nella parte ovest le strade non sono asfaltate.
Fino a qualche anno fa l’economia dell’isola era basata sulla raccolta e la lavorazione delle alghe. In alcuni punti dell’ isola l’odore di alga era veramente intenso. Oggi quest’attività ha ceduto quasi completamente  il passo al turismo che speriamo non diventi troppo opprimente come in alcune località della vicina Bali.
Il punto di arrivo è Jungutbatu, il villaggio principale dell’isola, che si affaccia su una lunghissima spiaggia, attracco per i motoscafi.  Qui si trova la maggior offerta di guesthouse, warung  e pub dove bersi un cocktail la sera guardando il tramonto. E’ il punto migliore per ammirare il sole che va a dormire con sullo sfondo il   vulcano Gunung Agung sull’ Isola di Bali.
Il villaggio occupa una posizione strategica: a sud si trovane le magnifiche spiagge bianche di Mushroom Bay, ideale per lo snorkeling e per imbarcarsi alla volta della vicina Nusa Penida, e Dream Beach mentre a nord si estende  la foresta di mangrovie, esplorabile in barca.
Il punto più fotografato di Nusa Lembongan è senza dubbio Devil’s  Tear: una selvaggia scogliera a picco sul mare da dove ammirare onde fantastiche. Qui la natura offre uno spettacolo unico soprattutto nelle giornate di mare mosso. La potenza delle onde è sconvolgente.
Sull’ isola ci sono diversi templi belli da visitare: il Puncak Sari, il più grande tempio induista dell’isola, da dove è possibile godere di una bella vista dello stretto Badung; il Pura Sakenan, posto al centro della foreste delle mangrovie; il Pura Segara Desa Pekraman, forse il tempio più bello di tutta l’ isola.

Attraversando uno stretto ponticello si arriva sull’ isoletta di Nusa Ceningan. Un tempo era priva di strutture, oggi si sta attrezzando e le sue strette vie sono state quasi tutte asfaltate, questo rende più facile girarla in scooter. A tutti il ponte è noto come “Yellow Bridge”, ma dopo la sua ricostruzione a causa dei danni subiti a seguito di una tempesta nell’ Ottobre 2016, è stato ribattezzato “The Bridge of Love”. Tappa imperdibile a Nusa Ceningan è la Blue Lagoon Cliff: una baia rocciosa bagnata da un mare azzurro intenso, famosa per i tuffi dalla scogliera.

Se amate lo snorkeling e le immersioni  oltre a Mushroom Bay, vi consigliamo Manta Point, dove vivere l’emozione di incontrare le mante, e Ceningan Wall, dove si trovano bellissimi coralli, grandi gorgonie, spugne e pesci dai mille colori. Se vi trovate da queste parti tra agosto e ottobre con buona probabilità avrete la fortuna di incontrare i Mola Mola (Pesce Luna), che si riuniscono numerosi nel canale fra Nusa Lembongan e Nusa Penida.
Le acque tra Nusa Lembongan, Nusa Ceningan e Nusa Penida,  non sono mai caldissime e le correnti possono essere molto forti, quindi prestate attenzione a appoggiatevi per le escursioni in mare a centri specializzati e autorizzati.

Per maggiori informazioni:
info@lofficinadeiviaggi.com